Sabato 20 Ottobre 2018

Ecco brevemente la storia di questa mia avventura con questa cardellina pezzata. Nell' ottobre 2002 ho ricevuto questa cardellina. A fine marzo 2003 è stata da me inserita in voliera di 2x2x2 con un bellissimo maschio ancestrale. Tuttavia, nonostante il continuo corteggiamento del maschio, di nidificare non ne volle proprio sapere. La cardellina pezzata trascorse l'inverno in voliera con il maschio. Non le facevo mai mancare l'ortica, l'erba cardellina (senecio) e centocchio, e specialmente il bagnetto, di cui andava pazza, lo faceva due - tre volte alla settimana.

Arrivati a fine marzo 2004 ho infrascato la voliera con rami di pino nascondendoci diversi nidi di vimini, il materiale messo a disposizione era costituito da fili di cocco, iuta, pelli animali, e ovatta. Ogni tanto (un giorno a settimana) controllavo, ma di un nido neanche l'ombra. Dopo due mesi senza risultato, a giugno finalmente su un ramo aveva iniziato la costruzione del nido, che nel giro di pochi giorni completò. Il 7 giugno primo uovo a terra, così anche il secondo e il terzo ma il quarto lo fece nel nido e lo covò.

Nonostante io fossi curioso di verificare la fecondità dell'uovo, non riuscivo mai a vederlo perché la cardellina non si spostavo neanche se la toccavo con la mano.Al 14° giorno dovetti spostarla con le dita per controllare, e purtroppo il piccolo non era nato. Siccome erano già trascorsi i fatidici 14 giorni, decisi di rompere l' uovo e come mi aspettavo c'era il piccolo morto dentro, (poteva più o meno avere 9 -10 giorni).

Così ho distrutto il nido per farle fare almeno un'altra covata. Dopo 5 - 6 giorni vidi la cardellina in un cestino di vimini dove aveva il nido completo. La mattina dopo vidi la cardellina un pò gonfia su un ramo, al di sotto del quale, a terra, c'era l'uovo rotto, un po più grande della norma. Dopo un' ora la trovai morta: forse un qualche danno provocato dall'uovo più grande del normale?

Purtroppo è morta senza che io avessi potuto verificare se quell'anomalia fenotipica fosse, o meno, ereditaria. Era una cardellina bellissima e un po' speciale, perché da ottobre 2002 a giugno 2004 non aveva mai avuti problemi di pancia, sempre il ventre giallo e petto ben in carne. Questa e la storia di questa cardellina pezzata.

 

Raffaele Esposito