Venerdì 19 Ottobre 2018

FAMIGLIA: Compositae.

NOMI VOLGARI: Cardogna - Cardo giallo - Scardiccione - Cardo colino - Scolino - Cardoncello selvatico - Cardo Scòlimo - Guardabue - Cardaburdue - Barba gentile - Carciofo piccolo.

DESCRIZIONE: Pianta erbacea perenne. E' una pianta robusta, presenta fusto e foglie molto spinosi, e fornita di una vigorosa radice, la pianta può arrivare fino a 120 cm. di altezza. A fiori avvolti da brattee spinose, di colore giallo è sono riuniti in capolini distribuiti sia nella parte inferiore delle foglie che nella parte terminale del fusto. Fiorisce da giugno ad agosto.

DISTRIBUZIONE E HABITAT: Comune in tutta Italia, la si trova nei terreni costieri, nelle zone incolte a ridosso delle scarpate delle ferrovie, aride e sabbiose, fino a 1500 mt. slm.

CURIOSITA': Anche se non in tutte le nostre regioni sono conosciute le sue qualità commestibili, esse non sono affatto trascurabili, forse la presenza di spine ispide ed insidiose non invita a raccoglierla. La radice carnosa si usa bollita o stufata ed è eccellente, quale contorno per carni e pesci, mentre tostata viene usata quale succedaneo del caffé. Le coste private doverosamente dalle spine e dalle foglie , si mangiano sia lesse che fritte ed hanno un sapore più intenso dei carciofi. I fiori essiccati sono usati per la colorazioni di alimenti ed in certi casi sostituisce lo zafferano, benché dia solo un bel colore, ma non altrettanto sapore. Di recente alcuni amici ci hanno fatto vedere la raccolta di questi fittoni nella regione Marche. Vengono raccolti e venduti nel periodo pre-natalizio per un piatto prelibato e di vigilia : stoccafisso, con radici di Scolymus hispanicus stufate e l'aggiunta di castagne ed olive.

- USO ORNITOLOGICO -

SOMMINISTRAZIONE: Tagliare gli steli ad inizio esseccazione o ad essiccazione completata. Somministrare agli uccelli possibilmente in posizione verticale.

SEME PREFERITO DA: Cardellini, lucherini, organetti, ed altre varietà di spinus.